correre-in-spiaggia-pro-contro

Correre in spiaggia: come, perché e quando farlo

Correre sulla spiaggia è un ottimo esercizio per tenersi in forma e una soluzione molto efficace per chi non vuole interrompere l’allenamento durante le vacanze estive. Non solo, correre al mattino presto o la sera al tramonto accompagnati dal ritmo dei propri passi e dal rumore del mare, è un’esperienza gratificante e intensa, che porterà benefici non solo al corpo, ma anche alla psiche. Vediamo allora perché la corsa su sabbia fa bene e quali sono i principali effetti sulla muscolatura.

Correre sulla spiaggia: i benefici

Sulla sabbia si rimbalza circa 36% in meno che su una superficie rigida. Questo fa sì che l’allenamento sia più intenso e che il dispendio energetico sia superiore (circa il 20% in più rispetto all’allenamento tradizionale). Per questo, allenarsi sulla sabbia:

  • Massimizza gli effetti del training e migliora le performance;
  • Aiuta a perdere peso e a tenersi in forma;
  • Migliora la propriocezione del piede e le capacità di equilibrio.

Correre sulla spiaggia: i consigli utili

Per correre sulla spiaggia senza farsi male e danneggiare le articolazioni, ci sono però alcune regole da osservare:

  • Meglio correre sulla sabbia bagnata del bagnasciuga, più elastica e compatta, che sulla sabbia morbida e asciutta.
  • Se si corre a piedi nudi, attenzione ai piccoli traumi da rimbalzo;
  • Evitare i tratti di spiaggia troppo in pendenza per proteggere le articolazioni e non sollecitare in modo asimmetrico caviglie e ginocchia;
  • Fare attenzione che nella sabbia non si nascondano conchiglie o frammenti di conchiglie;
  • Non superare i 10-15 minuti ad allenamento per i primi tre-quattro giorni, successivamente si può aumentare a venti minuti;
  • Per allenamenti che superano i venti minuti è consigliato utilizzare le scarpe da running;
  • Scegliere sempre gli orari in cui il sole è meno forte, la mattina molto presto o al tramonto;
  • Far precedere l’allenamento da un buon riscaldamento per preparare la muscolatura e concludere la corsa con esercizi di stretching.

E poi finalmente, ad allenamento concluso, potrete concedervi un rigenerante bagno in mare.