pubalgia-corsa

17 - Ott

La pubalgia nella corsa: cause, sintomi e rimedi

Tra gli sport più apprezzati e praticati, la corsa occupa senz’altro un ruolo di prim’ordine. Si tratta di un workout che apporta numerosi benefici al corpo ma, spesso, come accade in tutti gli sport, presenta anche qualche conto da pagare. Approfondiamo il tema dei problemi del podista, analizzando cause e trattamento della pubalgia nella corsa.

Che cos’è la pubalgia

La pubalgia è un’infiammazione muscolo-tendinea che interessa i punti di inserzione sull’osso pubico di diversi muscoli: adduttori, pettineo, piramidale, retti addominali, obliqui addominali e trasversi addominali. La sindrome pubalgica non interessa solo gli atleti professionisti, ma anche i podisti amatoriali.

La pubalgia del podista

Si tratta di una sindrome che può colpire sia a livello della sinfisi pubica che a livello delle inserzioni muscolo-tendinee degli adduttori e degli addominali. La sintomatologia si manifesta con dolore intenso all’altezza dell’inguine e del pube e con impotenza funzionale. È possibile avvertire dolore già nella fase iniziale del riscaldamento, sensazione che poi tende ad attenuarsi ma non a scomparire, accompagnando l’atleta per tutta la durata del workout.

Cause e rimedi

Le cause che danno origine alla pubalgia nella corsa, variano da podista a podista. Generalmente il dolore può essere causato da un brusco e repentino cambio di direzione o scatto durante il workout di running.  Queste le principali cause scatenanti:

  • Sovraccarichi eccessivi;
  • Squilibri muscolari e tendinei;
  • Allenamento privo di riscaldamento e ad alta intensità;
  • Affaticamento muscolare e articolare;
  • Scarpe inadeguate;
  • Infortuni pregressi e non guariti del tutto;
  • Microtraumi;
  • Sovrappeso.

Oltre a problemi di tipo funzionale, come quelli legati all’anatomia del podista, vi sono anche fattori tecnici che concorrono a generare la pubalgia da corsa:

  • Terreno inadeguato per effettuare il workout;
  • Cattiva postura e andatura da sprinter;
  • Tecniche di corsa non corrette.

Quanto al trattamento della pubalgia è consigliabile:

  • Interrompere gli allenamenti;
  • Riposare;
  • Se il dolore è acuto e persistente, assumere degli antidolorifici o antinfiammatori;
  • Prevedere una visita medica e successivamente consultare anche un fisioterapista-osteopata;
  • Eseguire degli esercizi di stretching per i muscoli adduttori perché, se poco elastici e contratti, sono più esposti a questo tipo di fastidio.

Altri preziosi accorgimenti per non incorrere nel problema della pubalgia da corsa sono:

Articoli correlati
stiramento-coscia

12 - Apr

Lo stiramento alla coscia: sintomi, rimedi e trattamento

Lo stiramento della coscia è una tipologia d’infortunio piuttosto frequente, soprattutto quando si praticano sport come il calcio o la […]

Leggi tutto »
Smaltire acido lattico

07 - Giu

Acido lattico nei muscoli, come eliminarlo in modo naturale

L’acido lattico è un prodotto del metabolismo utile al mantenimento dell’equilibrio chimico del nostro organismo. In caso di sforzi che […]

Leggi tutto »