evitare-infortuni-nuoto-consigli

01 - Nov

6 consigli per prevenire gli infortuni nel nuoto

Seppure venga spesso citato tra gli sport più sicuri, anche il nuoto non esonera dagli infortuni. Tra i traumi più frequenti di questo sport si può citare senz’altro la cosiddetta spalla del nuotatore (o tendinite della cuffia dei rotatori).

Come avviene per tutte le altre discipline sportive, i traumi specifici del nuoto possono essere evitati con alcune accortezze che riguardano la preparazione atletica e tecnica, la pratica e l’attrezzatura utilizzata.

Di seguito, alcuni consigli utili per evitare i traumi e gli infortuni più frequenti tra i nuotatori.

Il riscaldamento

Come ogni altro sport la cui pratica prevede un’attività fisica intensa, il nuoto richiede un adeguato riscaldamento. Grazie ad esso, il corpo dell’atleta si prepara a compiere i movimenti necessari, svolti con la giusta potenza e fluidità, senza gravare sulle articolazioni. Per qualche consiglio su quali esercizi compiere prima di tuffarsi in piscina, leggete il nostro approfondimento: “6 esercizi di riscaldamento per il nuoto”.

Utile per evitare: strappi muscolari, contratture o infiammazioni articolari.

Il raffreddamento: la preparazione al recupero

Una volta terminata la seduta di allenamento, è importante preparare il corpo al riposo e al recupero. La fase di raffreddamento è altrettanto importante, rispetto a quella di riscaldamento. Con lo stretching e lo scioglimento muscolare si può mantenere l’elasticità dei tessuti muscolari, dei tendini e delle articolazioni, per affrontare meglio (e più rapidamente) il recupero.

Utile per evitare: contratture e infiammazioni muscolari o articolari.

Modulare il carico di lavoro

Una regola valida per ogni sport: mai eccedere nello sforzo fisico. Un buon atleta sa qual è lo sforzo che può richiedere al proprio corpo, in base alla conoscenza della propria preparazione atletica. Allenamenti eccessivi o gare fuori dalla propria portata, sono le principali cause di traumi sportivi. Riuscire a modulare il carico di lavoro aiuta a migliorare le performance e a salvaguardare dai traumi.

Utile per evitare: contratture, strappi e infiammazioni.

Abbigliamento tecnico adeguato

Il nuoto forse è uno degli sport che richiede meno attrezzatura. Tuttavia, anche in questo caso i dettagli possono fare la differenza. Per chi si allena molto o pratica nuoto a livello agonistico, anche il costume, la cuffia e gli occhialetti possono fare la differenza in fatto di traumi. La corretta scelta di costumi e occhiali professionali può evitare spiacevoli irritazioni o infezioni.

Utile per evitare: irritazioni e infezioni.

La distanza di sicurezza

I traumi da contatto più diffusi nel nuoto sono dati dal mancato rispetto delle distanze di sicurezza dagli altri atleti, dai cordoli o dal bordo della piscina. Osservare le distanze precauzionali può essere sufficiente per prevenire questo tipo di traumi.

Utile per evitare: contusioni, graffi.

Alimentazione e idratazione

Due elementi ai quali si pensa poco, in tema di prevenzione degli infortuni sportivi. Eppure, l’alimentazione e l’idratazione giocano un ruolo primario, poiché aiutano l’organismo a mantenere in buona salute i tessuti e a fornire la necessaria energia per gli allenamenti e le gare.

Utile per evitare: esaurimenti muscolari, contratture, strappi, infiammazioni a tendini o legamenti.

Articoli correlati
esercizi per i fianchi

10 - Lug

5 esercizi di fitness per tonificare i fianchi dedicati a lui e a lei

I fianchi tonici sono il desiderio di tutti. Gli amanti del fitness sanno bene quanto può essere difficile tenere in […]

Leggi tutto »
attività fisica terza età

16 - Nov

Attività sportiva nella terza età: 5 stimoli per iniziare o ricominciare a praticare sport

Abbiamo visto quali sono i benefici dell’attività fisica nella terza età, eppure non è sempre facile iniziare o riprendere lo […]

Leggi tutto »