Piede d’atleta

22 - Gen

Piede d’atleta: le cause e i consigli per la prevenzione

Si chiama tinea pedis o tricofitosi, ma è diffusamente nota come “piede d’atleta”: è una micosi che colpisce la pelle tra le dita e la pianta del piede. Una patologia che, come suggerisce il suo nome non scientifico, colpisce con maggiore frequenza gli sportivi. Il motivo che si cela dietro questo nome, spiega anche le cause dell’insorgenza di questa fastidiosa infestazione cutanea.

Perché si chiama “piede d’atleta”

Il fungo che causa la tinea pedis è principalmente il Trichophyton. Prolifera in ambienti caldi e umidi e predilige insinuarsi nelle pieghe della pelle e, soprattutto, nelle lacerazioni della cute.

Piscine coperte, spogliatoi, docce: questi sono gli habitat prediletti dal fungo e i piedi scalzi sono le sue prede. Il più delle volte s’insinua lì dove le dita del piede creano anfratti in cui raramente passa aria e si propaga sulla restante superficie della pianta del piede.

Gli sportivi che frequentano questi ambienti senza le necessarie precauzioni sono i più esposti a questa micosi. Tuttavia non sono le uniche vittime del piede d’atleta. La patologia affligge anche coloro che amano camminare scalzi o portare calzature particolarmente strette.

Come si manifesta il piede d’atleta

Questa micosi si manifesta con un arrossamento localizzato, in genere inizia tra le dita dei piedi, e prurito. La pelle desquamata o le ferite causate dalle unghie che grattano la zona per tentare di alleviare il fastidio, peggiorano la situazione, privando la cute della necessaria protezione. Il fungo si diffonde rapidamente alla pianta e al dorso del piede e può arrivare a colpire anche la zona dell’inguine.

Le lacerazioni della pelle, durante questa micosi, emanano uno sgradevole odore che caratterizza la patologia.

Consigli per prevenire la tinea pedis

Sempre le ciabatte – Può essere poco cool o poco pratico, tuttavia è molto sicuro: uno dei modi per evitare di contrarre il piede d’atleta è andare in giro (soprattutto in luoghi pubblici) con i piedi non a contatto con le superfici umide.

Lavare e asciugare con cura – Lavare attentamente tra le dita del piede con sapone e una strofinata di spugna può aiutare a prevenire il piede d’atleta. Così come un’asciugatura accurata priva il fungo del necessario habitat per proliferare.

Le scarpe giuste – La scelta delle scarpe è fondamentale, soprattutto per chi suda molto. Suole e tomaie devono garantire la giusta traspirazione e la pianta della scarpa deve essere abbastanza ampia per accogliere il piede senza mantenerlo costretto. Inoltre è utile che si scelgano calzature che permettono di estrarre la soletta, in modo che possa essere arieggiata dopo ogni uso.

Cambiare spesso le scarpe è un’altra valida strategia di prevenzione del fastidioso piede d’atleta.

Articoli correlati
perche-la-meditazione-fa-bene

10 - Ago

La meditazione come rimedio naturale: ecco perché fa bene

Era dal periodo d’oro della New Age che non si sentiva parlare così frequentemente della meditazione e dei suoi influssi […]

Leggi tutto »
scrocchiare le ossa fa male

17 - Ago

Fa male scrocchiarsi le ossa? Ecco quali sono le conseguenze

A volte la tentazione sembra irresistibile: come per liberarsi da una sensazione di oppressione, compiamo quel gesto noto come lo […]

Leggi tutto »