il foamroller-in-fisioterapia

Il foam roller in fisioterapia: il recupero dopo un infortunio

Siete afflitti da un infortunio che continua a ripresentarsi? Provate a svolgere gli esercizi di riabilitazione con il foam roller. Questo attrezzo di fitness, se correttamente utilizzato, consente di minimizzare il rischio di traumi ma soprattutto si rivela efficace per favorire il processo di recupero. In questo post scopriamo qual è l’utilizzo del foam roller in fisioterapia.

Il rolling per ridurre il dolore e avere muscoli più rilassati

Desiderate mantenere i vostri muscoli più flessibili e rilassati? Uno strumento come il foam roller facilita il compito a molti sportivi. I runner per esempio, sono spesso vittime di dolori alle gambe durante la corsa: la fisioterapia con il foam roller vi permette di trattare tutta la muscolatura coinvolta.

Il movimento di rolling è utile nel trattamento fisioterapico perché:

  • Migliora la circolazione;
  • Distende la muscolatura;
  • Aiuta a recuperare dopo un infortunio;
  • Riduce il dolore;
  • Tratta la parte infortunata o che soffre di rigidità, favorendo il recupero.

La corsa aumenta il rischio di rigidità muscolare cronica che porta ad una diminuzione dell’elasticità tissutale. In diversi pazienti, alla rigidità muscolare e fasciale si associano i trigger points, punti in cui si scatena un dolore localizzato. Ecco che il foam roller, attraverso la giusta pressione, favorisce l’eliminazione del tessuto cicatriziale della fascia, favorendo il riallineamento delle fibre e la riduzione del dolore durante la corsa.

L’utilizzo del foam roller in fisioterapia

In fisioterapia l’utilizzo del foam roller è frequente nel trattare quei pazienti che riscontrano la sintomatologia sopra illustrata o necessitano di recuperare dopo un infortunio.

Solitamente si effettua una sessione di riscaldamento della durata di 15 minuti circa. Durante l’impiego vero e proprio del foam roller il paziente dovrà cercare di mantenere la muscolatura addominale contratta. Nel corso del trattamento anche la respirazione è importante: deve essere regolare e in accordo agli esercizi che il fisioterapista vi farà svolgere. L’utilizzo del foam roller per uso fisioterapico, consente di non esercitare pressioni su preminenze ossee e su articolazioni. Tenete presente che la sensazione di fastidio è normale in questo tipo di trattamento ma la costanza porta numerosi benefici.

Il fisioterapista eviterà di trattare direttamente l’area infortunata anche perché non sempre il punto in cui si percepisce dolore è la zona che lo ha generato. Il trattamento soft insisterà su altre fasce muscolari in modo da favorire il detensionamento fasciale e accelerare il recupero in seguito ad un infortunio. Si inizia esercitando poca pressione sul rullo, aumentandola progressivamente. Se in un punto si avverte più dolore si potrà provare a trattarlo successivamente, dopo aver rilassato i tessuti.