evitare sfregamento corsa

31 - Ago

Sfregamento e corsa: 5 consigli per evitare irritazioni a cosce e ascelle

Chi pratica con frequenza la corsa sa bene quali possono essere i problemi derivanti da questo sport. Le irritazioni da sfregamento sono senz’altro tra i più frequenti disturbi del runner. Il più delle volte le irritazioni sono localizzate nell’area dell’interno coscia, sotto le ascelle e sui capezzoli: le parti del corpo che accusano maggiormente gli effetti dei movimenti ripetitivi della corsa e l’attrito con i tessuti dei vestiti. Il sudore di certo non aiuta ad alleviare il problema e può aggravare l’irritazione cutanea.

Nel caso non si dia il tempo alla pelle di riprendersi dal trauma, la semplice irritazione superficiale può diventare una lesione dolorosa e fastidiosa.

I consigli per dire addio allo sfregamento durante la corsa

  1. Abbigliamento tecnico – Il primo consiglio per evitare le irritazioni da sfregamento nella corsa è quello di fare affidamento all’abbigliamento tecnico, anche intimo, pensato ad hoc per il running. Questo tipo di vestiti, oltre ad essere in tessuti altamente traspiranti che limitano la stagnazione del sudore sulla pelle, vengono confezionati con cuciture non a rilievo e poste in modo strategico per limitarne l’effetto irritante.
  2. La giusta lunghezza – Un’altra questione che riguarda l’abbigliamento è la lunghezza di maglie e shorts utilizzati per la corsa. Per non far strusciare pelle contro pelle sotto le ascelle e all’interno delle cosce si possono scegliere maglie con le maniche (t-shirt) e pantaloncini più lunghi, in modo da evitare il contatto diretto della pelle sudata.
  3. Parola d’ordine: lubrificare – Per limitare l’effetto dei frequenti sfregamenti è possibile fare ricorso a lubrificanti per il corpo. Si può optare per prodotti specifici, ma ci si può anche utilizzare oli, creme idratanti o gel come la vaselina. Da applicare prima della performance a pelle asciutta e da accompagnare con una crema idratante dopo la doccia al termine della sessione.
  4. Capezzoli al riparo – Anche per quanto riguarda lo sfregamento dei capezzoli vale la regola dell’abbigliamento tecnico. Le donne possono ricorrere ai reggiseno sportivi. Per gli uomini si dovrà ricorrere a qualche escamotage, come la copertura dell’area con un po’ di garza, tenuta da cerotti o semplicemente lubrificare il petto e l’interno della maglietta in corrispondenza dei capezzoli.
  5. Se il danno è già fatto – Pulire l’area con acqua fredda e non applicare alcun unguento o crema se ci sono ferite aperte. Astenersi dalla corsa fino a completa guarigione per evitare di aggravare la situazione con ulteriore sfregamento delle aree interne della coscia, delle ascelle e capezzoli.
Articoli correlati
Dolori articolari, quando il ginocchio fa crick

27 - Mag

Rumori articolari: quando preoccuparsi del ginocchio che fa “crick”

Spesso ci si accorge del fenomeno quando si salgono le scale: il ginocchio crocchia, emettendo un preoccupante “crick” a ogni […]

Leggi tutto »
running-e-respirazione-errori-frequenti

16 - Nov

Le cause del fiatone nella corsa: 5 errori frequenti di respirazione nel running

Può sembrare strano che un atto naturale come il respirare possa contemplare errori. Eppure, respirare male è uno degli errori […]

Leggi tutto »