esercizi-pubalgia

24 - Ott

Recuperare dalla pubalgia: ecco 7 esercizi ad hoc

La pubalgia è un’infiammazione muscolo-tendinea che interessa i punti di inserzione sull’osso pubico di diversi muscoli. La sindrome pubalgica non interessa solo gli atleti professionisti, ma anche quelli amatoriali.

Se soffrite di pubalgia, diagnosticata da un medico, potete curarla assumendo degli antidolorifici/antinfiammatori e stando a riposo assoluto. Ma potete anche intervenire eseguendo degli esercizi ad hoc per alleviare il dolore e ripristinare la normale attività fisica. L’ideale sarebbe farvi seguire da un fisioterapista. Vanno eseguiti degli esercizi mirati al recupero funzionale, attraverso un workout che favorisca la guarigione dalla pubalgia.

Ecco i 7 esercizi ad hoc per recuperare dalla pubalgia:

  1. Camminare sul tapis roulant. Un buon esercizio blando è proprio la semplice camminata. Per cominciare a recuperare dalla pubalgia, è l’attività migliore.
  2. Fare stretching per allungare i muscoli. Si tratta dello step preliminare e post workout che non deve essere mai dimenticato. In alcune tipologie di infortunio lo stretching è un esercizio utilissimo per la muscolatura. È importante, in particolare, l’allungamento della catena muscolare posteriore e dei muscoli adduttori.
  3. Praticare Yoga. Alcune posizioni, come la farfalla ad esempio giovano molto a chi soffre di pubalgia. L’esercizio si effettua da seduti: schiena dritta, gambe piegate, piedi a contatto tra loro, le caviglie tra le mani e talloni che toccano a terra. Da questa posizione di partenza si fanno muovere le ginocchia simulando il battito d’ali della farfalla, andando a sollecitare la zona inguinale.
  4. Allenamento propriocettivo. L’allenamento propriocettivo si basa sulla stimolazione del sistema neuro-motorio e contempla una serie di esercizi che creano situazioni di instabilità, con l’obiettivo di migliorare e rieducare i riflessi propriocettivi. Vanno eseguiti su cuscini propriocettivi in varie posizioni statiche, passando in seguito a situazioni dinamiche  al fine di ottenere un maggior controllo della postura e delle articolazioni.
  5. Riequilibrio della muscolatura. Potete eseguire degli esercizi, impiegando elastici, per riequilibrare la muscolatura delle gambe e riacquistare gradualmente forza ed elasticità.
  6. Esercizi per migliorare la core stability. Per chi soffre di pubalgia è opportuno rinforzare i muscoli addominali e quelli retrovisori del bacino, effettuando anche degli esercizi di plank.
  7. Esercizi mirati al miglioramento della coordinazione. Esercizi di equilibrio e coordinazione intermuscolare, concorrono a completare il programma di recupero dalla pubalgia. È importante, infatti, riprogrammare gli schemi motori errati e ricalibrare l’andatura, le accelerazioni, le decelerazioni, i cambi di direzione e i gesti tecnici dello sport che praticate.

L’allenamento propriocettivo si basa sulla stimolazione del sistema neuro-motorio e contempla una serie di esercizi che creano situazioni di instabilità, con l’obiettivo di migliorare e rieducare i riflessi propriocettivi, al fine di ottenere un maggior controllo della postura e delle articolazioni.

Articoli correlati
quali-sono-gli-sport-invernali

25 - Set

Il freddo è alle porte: ecco quali sono i 7 sport invernali più amati

Quando arriva il freddo tornano anche gli sport invernali. Tutti gli appassionati potranno cimentarsi nel praticare diverse attività, in montagna, […]

Leggi tutto »
palla-bosu-a-cosa-serve

27 - Nov

La palla bosu è l’erede dello step: ecco a cosa serve in 5 punti

Anche in fatto di fitness le innovazioni sono sempre dietro l’angolo. Fino a qualche anno fa, lo step sembrava insostituibile, […]

Leggi tutto »