Smaltire acido lattico

07 - Giu

Acido lattico nei muscoli, come eliminarlo in modo naturale

L’acido lattico è un prodotto del metabolismo utile al mantenimento dell’equilibrio chimico del nostro organismo. In caso di sforzi che si protraggono per lungo tempo o di grande intensità, quando il lavoro muscolare ci fa raggiungere la soglia anaerobica, l’acido lattico viene prodotto dai muscoli in misura maggiore per sopperire rapidamente a una mancanza energetica. È il cosiddetto processo anaerobico lattacido durante il quale l’eccesso di acido lattico non viene più smaltito efficientemente e viene depositato nei muscoli. Il risultato è la fatica, il dolore, il bruciore e la rigidità muscolare che influisce sulle performance sportive.

Tipico è il dolore e il fastidio ai muscoli delle gambe dovuto all’acido lattico a seguito di una corsa o dopo aver salito le scale.

Al contrario di quanto spesso si pensa, i dolori del giorno dopo l’allenamento (o DOMS) non sono imputabili all’acido lattico in quanto lo smaltimento di questo prodotto del metabolismo avviene nell’arco di poche ore e gli effetti iniziano ad attenuarsi già mezz’ora dopo lo sforzo.

L’iper-produzione di acido lattico può dipendere anche da alcune patologie gravi (insufficienza polmonare, tumori, diabete, anemia, cirrosi epatica) e da alcune cattive abitudini (consumo di alcol).

Come smaltire naturalmente l’acido lattico

Per limitare gli effetti legati alla produzione naturale dell’acido lattico sulle prestazioni sportive in modo naturale, basta seguire alcuni semplici consigli:

Allenamento costante – Negli individui più allenati, la soglia di lavoro anaerobico dei muscoli si eleva, rendendo i muscoli più efficienti nel consumo di ossigeno. Ciò comporta una produzione più limitata di acido lattico.

Riscaldamento e raffreddamento – Dellimportanza del riscaldamento prima di una performance abbiamo già parlato. Anche la fase di raffreddamento è importante per smaltire più velocemente l’acido lattico: chi interrompe bruscamente l’allenamento smaltirà con più difficoltà l’eccesso di acido lattico accumulato nei muscoli. Il runner, ad esempio, potrà chiudere la sessione di corsa con una camminata, in modo da smaltire più rapidamente l’acido lattico accumulato nei muscoli delle gambe.

Reintegrare liquidi e sali minerali – La reidratazione e la ricostituzione delle riserve di sali minerali aiutano a ritrovare l’equilibrio biologico perso durante lo sforzo intenso. L’affaticamento muscolare è uno dei sintomi della disidratazione.

Acido lattico e ghiaccio – Soprattutto per i gruppi muscolari ampi, come quello delle gambe, l’applicazione del ghiaccio può aiutare non tanto a smaltire l’eccesso di acido lattico, quanto a ridurre i fastidi ai muscoli ad esso legati.

Articoli correlati
Rimedi occhio nero

30 - Mar

Sport da contatto: 5 rimedi contro l’occhio nero

Se pratichi sport da contatto può esserti capitato di dover cercare dei rimedi utili per trattare un occhio nero o […]

Leggi tutto »
mal-di-milza-corsa

10 - Ago

Corsa e mal di milza: 5 consigli per evitarlo in modo naturale

Durante la corsa lo sentiamo crescere al nostro fianco sinistro a ogni respiro. Sempre più intenso, fino a toglierci il […]

Leggi tutto »