yoga-posizioni

13 - Nov

Le posizioni dello yoga: 5 asana e i loro benefici

Lo yoga è una disciplina orientale in grado di soddisfare la voglia di movimento, conferendo al contempo una piacevole sensazione di calma e rilassatezza, tipica della meditazione. Se pensate che le sue posizioni siano troppo impegnative, leggendo questo post vi ricrederete. Non servono forza e prestanza fisica.

Eccovi svelate 5 facili posizioni dello yoga.

Gli asana e i loro benefici

L’Asana, nello specifico, significa posizione comoda e confortevole che può essere mantenuta per un lungo periodo di tempo. Lo yoga si basa proprio sulla pratica di diverse posizioni, gli asana appunto, che servono ad allungare i muscoli in modo naturale. Le posizioni dello yoga rappresentano quindi il modo migliore di modellare il proprio corpo, senza che la muscolatura aumenti di volume. Compattezza e resistenza sono alcuni dei benefici che trarrete da questa pratica. In generale le posizioni assunte durante lo yoga consentono il libero fluire dell’energia vitale e l’espulsione delle tossine, con conseguente abbassamento dei livelli di stress. In questo modo il corpo perde rigidità e tensioni. Gli asana inoltre, stimolano la circolazione del sangue e la respirazione corretta, che permette la ri-ossigenazione dell’intero organismo.

Posizioni dello yoga: scopriamone 5

  1. Sukhasana. Si tratta della posizione ideale per iniziare con lo yoga. Letteralmente infatti significa posizione facile. Si esegue sedendosi a gambe incrociate, distendendo la spina dorsale e mettendo i piedi sotto le ginocchia opposte. Troverete sollievo dalle tensioni alla schiena, migliorerete la postura e la respirazione.
  2. Marjariasana. La posizione del gatto richiede di essere praticata a quattro zampe, appunto, con le mani poste alla stessa altezza e distanza delle spalle, e le ginocchia sullo stesso livello dei fianchi. Inspirate profondamente, inarcando la schiena e spingendola verso il basso, tenendo rivolti verso l’alto sia il mento che il busto. Espirate raddrizzando la schiena e disegnando come una sorta di gobba, proprio come farebbe un gatto. Direzionate la testa verso il basso, guardandovi l’ombelico. I benefici sono a vantaggio di schiena e pavimento pelvico. I movimenti effettuati vi renderanno più flessibili, alleviando i dolori cervicali.
  3. Paschimottanasana. Seduti in avanti: è questa una delle più classiche posizioni dello yoga. Mettetevi seduti, piegandovi con il busto in avanti e con le gambe distese, tentate di raggiungere il palmo dei piedi, come se vi steste abbracciando. Praticherete una sorta di massaggio interno agli organi riproduttivi, distendendo i muscoli lombari e quelli delle gambe.
  4. Bhujangasana. È questa la famosa posizione del cobra. Si tratta di un asana in grado di distendere la muscolatura, soprattutto di bacino, addome e pelvi. Mettetevi distesi a pancia in giù, con le braccia saldamente a terra, in corrispondenza dei fianchi. Da qui distendete busto e collo più che potete, darete grande sollievo alla zona cervicale.
  5. Shalabhasana. Dal cobra alla locusta, grazie a questa posizione che permette di rafforzare la muscolatura. Posizionatevi a pancia in giù, sollevando insieme gambe e braccia. Il bacino è poggiato a terra e gli arti si muovono mantenendosi leggermente in tensione.
Articoli correlati
kickboxing-come-iniziare

09 - Ott

Come iniziare a praticare kickboxing: ecco 5 cose da sapere

Avete voglia di iniziare a praticare uno sport che vi permetta di sfogare tutta la vostra energia? Il kickboxing fa […]

Leggi tutto »
inquinamento domestico, inquinamento indoor

14 - Dic

Casa sana: le 8 piante da interni contro l’inquinamento domestico

L’inquinamento non è solo una questione che interessa gli ambienti esterni. Quando siamo nell’intimità della nostra abitazione, ci sembra di […]

Leggi tutto »