Pausa pranzo alla scrivania

15 - Giu

Pausa pranzo alla scrivania: i 6 rischi per gli irriducibili del lavoro

Può capitare soprattutto nei periodi più intensi o in prossimità di una scadenza: il lavoro non lascia tempo neanche per mangiare. La soluzione spesso è, dunque, quella di rimanere seduti alla scrivania anche durante la pausa pranzo. Due morsi al volo a un sandwich acquistato in un bar e gli occhi non hanno neanche bisogno di staccarsi dallo schermo. Tuttavia, quella della pausa pranzo alla scrivania è una pessima abitudine che può esporre a diversi rischi per la salute (e anche per la produttività professionale).

Secondo la disciplina del lavoro (Dlgs n° 66/2003), il lavoratore la cui giornata lavorativa ecceda le sei ore, deve beneficiare di un intervallo per il recupero delle energie psico-fisiche ed, eventualmente, per la consumazione del pasto, nonché per attenuare gli effetti di un lavoro monotono e ripetitivo.

Come spesso accade a coloro che saltano la pausa pranzo, rimanere alla scrivania significa continuare a lavorare al computer, senza staccare gli occhi dallo schermo per lunghi periodi di tempo.

I rischi di non smettere di lavorare neanche a pranzo

I rischi che si corrono rimanendo alla scrivania per la pausa pranzo sono vari e di varia natura.

  1. Aumenta lo stress – Le pause più o meno lunghe, quando non eccessive, aiutano a smaltire lo stress che si accumula durante la giornata di lavoro. La mancata pausa principale della giornata è un rischio per il benessere psichico del lavoratore. Soprattutto quando il saltare la pausa pranzo non è un evento occasionale.
  2. Esaurisce le “forze” intellettuali – Creatività, intuito, problem solving: sono tutte skills che hanno bisogno di essere rigenerate grazie a un’interruzione. La ripresa dalla pausa pranzo, qualora il pasto sia stato adeguato, sarà sicuramente più produttiva.
  3. Asocialità professionale – La pausa pranzo è anche un momento di socializzazione e i rapporti sociali aiutano il benessere fisico e psichico. Soprattutto quando si è in un ambiente di lavoro sano.
  4. I rischi per la schiena – Quando siamo seduti manteniamo una posizione innaturale che costringe la nostra spina dorsale a sorreggere tutto il peso del busto e del capo. Inoltre, rimanere lunghe ore seduti spinge verso l’assunzione di posture errate. La pausa pranzo fuori dall’ufficio può essere un buon modo per stirare la schiena e liberarla da un po’ della fatica della giornata. Il rischio di rimanere seduti alla scrivania per le otto ore lavorative (e anche oltre) è quello di sviluppare lombalgie anche serie. Continuate a leggere SempreAttivi per scoprire quali sono gli esercizi migliori per combattere il mal di schiena lombare da ufficio.
  5. Perdita di vista e sviluppo di emicranie – I problemi alla vista possono aumentare anche solo con due ore al giorno trascorse davanti al computer. Ai rischi per gli occhi si associano i rischi d’insorgenza di emicranie, soprattutto se non si stacca mai, neanche per pranzo.
  6. Si ingrassa – La pausa pranzo alla scrivania non è salutare neanche quando la scelta è suggerita dallo svago, come è stato scoperto dai ricercatori dell’Università di Bristol guidati dal professore Jeff Brunstrom: giocare al computer durante la pausa lavorativa può influenzare la quantità di cibo assunta. Il risultato? Rimanere davanti al computer durante il pranzo lavorativo fa ingrassare. La ricerca è stata pubblicata su The American Journal of Clinical Nutrition.
Articoli correlati
esercizi-pubalgia

24 - Ott

Recuperare dalla pubalgia: ecco 7 esercizi ad hoc

La pubalgia è un’infiammazione muscolo-tendinea che interessa i punti di inserzione sull’osso pubico di diversi muscoli. La sindrome pubalgica non […]

Leggi tutto »
Infiammazione depressione

18 - Gen

Uno studio rivela che l’infiammazione può essere tra le cause della depressione

L’infiammazione cronica può essere causa di depressione? Secondo un recente studio pubblicato dalla University School of Medicine and Winship Cancer […]

Leggi tutto »