spinning-benefici-controindicazioni

14 - Feb

Spinning: benefici e controindicazioni di un workout intenso

Valida alternativa indoor, anche per gli irriducibili della bici su strada, lo spinning è un metodo di allenamento molto apprezzato. Grazie ai suoi diversi percorsi di workout, pianura, salita e discesa, rispetto ai tradizionali esercizi da palestra, fa lavorare contemporaneamente molti muscoli del corpo. Se i benefici sono indiscussi, ci sono anche alcune indicazioni da tenere sempre in considerazione.

I muscoli

I muscoli più coinvolti sono quelli della coscia, i glutei, la parte posteriore e inferiore della gamba. Vengono fatti lavorare, inoltre, anche i tendini del ginocchio. Specie durante la stagione invernale, quando non si ha voglia di attività all’aria aperta, ma nemmeno di lunghe sessioni di esercizi in sala attrezzi, lo spinning diventa un’opzione invitante per allenarsi in modo efficace e divertente al tempo stesso, pedalando a ritmo di musica.

I benefici

  • Forma fisica e tonicità, potenziamento e rassodamento: lo spinning bike è una disciplina che permette di consumare un elevato numero di calorie, si tratta quindi di un esercizio che consente di perdere peso e smaltire tossine.
  • Un ulteriore beneficio è il miglioramento della circolazione del sangue e il potenziamento dei muscoli delle gambe.
  • Un allenamento costante e graduale rallenta l’invecchiamento delle ossa e delle cartilagini.

Ecco che un paio di lezioni di spinning a settimana potranno garantire risultati confortanti in termini di perdita di grasso, aumento di forza nelle gambe e benefici cardio vascolari. Il lavoro poi è personalizzabile. Con il proprio personal trainer o istruttore, si può decidere di compiere un lavoro mirato, servendosi di un cardiofrequenzimetro.

Le controindicazioni

Lo spinning non è uno sport adatto a tutti. Richiede un impegno elevato e quasi del tutto anaerobico. Rispetto alla classica cyclette, le fasi di lavoro hanno un’intensità che può variare in modo brusco, con conseguenti sollecitazioni del sistema cardiovascolare.

Per poter svolgere al meglio gli esercizi, bisognerebbe avere una buona resistenza. Lo sforzo cardiaco intenso, infatti, è tale da escludere da questo tipo di workout coloro che soffrono di problemi al cuore. Si sconsiglia anche a quei soggetti che accusano fastidi alle articolazioni, ai legamenti e alle cartilagini, perché si tratta di esercizi particolarmente impegnativi a carico di queste zone del corpo.

La postura tipica del ciclista, inoltre, sul lungo periodo potrebbe causare problemi alla colonna vertebrale e tendiniti alle ginocchia. Se si eseguono sessioni d’allenamento intense è possibile riscontrare problemi anche alla muscolatura delle gambe e al tendine d’Achille.

Articoli correlati
dolore-ginocchio-durante-corsa

06 - Giu

Dolore al ginocchio durante la corsa: come riconoscere il disturbo

Indipendentemente dal livello di allenamento può capitare di incorrere nel problema del dolore al ginocchio durante la corsa. Può trattarsi […]

Leggi tutto »
correre-al-mattino-a-digiuno-o-no

22 - Ago

Correre al mattino a digiuno o no: facciamo chiarezza su un tema importante

Correre rende felici e i running addict lo sanno bene. Soprattutto quando, mentre la città ancora dorme e sprezzanti delle […]

Leggi tutto »