running-quante-volte-a-settimana

27 - Giu

Running: ecco quante volte a settimana dovreste praticarlo

Quante volte a settimana è necessario fare running? A questa domanda non esiste una sola risposta che vada bene per tutti. Vi sono infatti delle variabili da tenere in considerazione come: condizione fisica personale, tempo a disposizione per il workout, stagione in cui si effettua l’allenamento ed eventuali obiettivi da raggiungere. Proviamo a fare luce su questi aspetti e a disegnare un quadro quanto più possibile adattato alle esigenze di ogni runner.

Se si inizia a correre

Se siete tra coloro che hanno intrapreso da poco quest’attività, è possibile che vi dividiate in due categorie.

  • I runner del week-end;
  • I runner entusiasti che corrono tutti i giorni.

Diciamo subito che nessuna delle due situazioni è ottimale. È vero che dare continuità all’attività è consigliabile, ma è altrettanto importante dare respiro all’organismo e far riposare la muscolatura. Effettuate sempre un riscaldamento pre-corsa ed esercizi di stretching, anche nel post workout. Ponetevi degli obiettivi ed organizzate al meglio il vostro allenamento, magari pianificandolo. Per alcuni soggetti che non hanno tempo, l’allenamento solo nel weekend può bastare, ma la regolarità aiuta a non smettere. La virtù sta nel mezzo. Non strafare e cercare di non relegare al solo fine settimana le sessioni di running. La soluzione ideale sarebbe quella di andare a correre almeno 3 volte a settimana. In questo modo le uscite diventerebbero un impegno settimanale, un’esigenza fisica, ma anche un piacevole appuntamento.

L’importanza di diversificare il workout

Fare running almeno 3 volte a settimana, apporta indiscutibili benefici. Una best practice, soprattutto se vi dedicate alla corsa in maniera costante e non praticate altri sport, è quella di alternare il running con degli esercizi di varia tipologia, il cosiddetto cross-training. Modulate anche le caratteristiche di ogni sessione, sia sotto il profilo della velocità, che sotto l’aspetto della durata. Almeno un paio di uscite settimanali e una ventina di chilometri possono portare a raggiungere buoni traguardi, sia fisici sia di performance. I migliori sport da abbinare alla corsa sono:

  • Nuoto;
  • Bici;
  • Yoga;
  • Pilates;
  • Addominali;
  • Circuito.

I runner esperti

Quando il running è la vostra vera passione, allora il workout è sicuramente intenso e frequente. Un podista esperto, infatti, si pone obiettivi ambiziosi, ragione per cui opterà per un allenamento completo e attento ai dettagli. Chi si deve preparare per correre un tempo di 2 ore e 30 minuti alla maratona, sarà senz’altro portato ad allenarsi spesso, anche due volte al giorno. La durata dell’allenamento solitamente non è mai inferiore ai 60 minuti e il chilometraggio, in vista dell’impegno agonistico, aumenta.

Articoli correlati
esercizi da seduti anziani per le gambe

08 - Ago

Esercizi da seduti: il rinforzo delle gambe per gli anziani

Gli esercizi per il rinforzo dei muscoli delle gambe sono un’attività fondamentale per gli anziani. È uno dei modi per […]

Leggi tutto »
come-utilizzare-cardiofrequenzimetro

13 - Set

Come utilizzare cardiofrequenzimetro per migliorare le performance

Il cardiofrequenzimetro è divenuto una tecnologia indossabile tra le più utilizzate dagli sportivi e soprattutto tra i runner. Non è […]

Leggi tutto »