running-quando-cambiare-le-scarpe

28 - Giu

Corsa: come capire quando dovete cambiare le scarpe da running

A ciascuno il suo, vale anche per il running che deve essere praticato indossando delle scarpe adatte. Chilometri e chilometri effettuati, terreni impervi e giornate con condizioni climatiche non sempre ideali per correre. Ne hanno passate tante: non sarebbe il caso di sostituirle? Scopriamo come capire quando è necessario cambiare le scarpe da running.

I chilometri: un indicatore

Le avete guardate spesso prima di uscire a correre, e sicuramente ve lo siete chiesto. È forse giunto il momento di cambiare le vostre scarpe da running. Si dice che la sostituzione si rende sicuramente necessaria superati i 1000 chilometri. Questa, infatti, è la distanza media che una semplice scarpa da corsa si ritiene possa reggere, prima di cedere. Anche se l’alert scatta già dai 700 chilometri percorsi.

Test di tenuta

Per effettuare una verifica molto pratica e veloce, potete posizionare la calzatura su un tavolo e capire se presenta sbilanciamenti su un lato in particolare. A quel punto è ora di cambiarla. Un altro test importante è il controllo della zona dell’avampiede: premete con le dita la parte interessata dagli intagli per la flessione del piede, se il materiale cede al tatto, allora significa che è ora di cambiare le scarpe.  Un altro aspetto importante da valutare è quello relativo al comfort: se le scarpe vi fanno male, è sicuramente un buon motivo per sostituirle.

L’usura: nemica di fisico e prestazioni

Dal momento che chi pratica running ed acquista scarpe ad hoc, le utilizza sicuramente molto, l’usura è dietro l’angolo. Quando le scarpe da corsa si presentano consumate perdono la loro efficacia. A pagare dazio saranno le prestazioni, ma soprattutto, la salute del piede e, di conseguenza, il benessere dell’intero organismo. Il rischio di infortuni a piede, gambe e bacino, infatti, in questi casi è piuttosto alto. Il rapido processo di deterioramento della calzatura è però frutto di una somma di più fattori:

  • Chilometri percorsi;
  • Peso corporeo;
  • Tipo di piede;
  • Tipologia di scarpa;
  • Terreno.

Tenete presente che correre sempre in strada consumerà maggiormente le scarpe, rispetto al running praticato su sentieri. Inoltre, un runner esperto, ovviamente, consumerà la calzatura molto di più e molto più rapidamente rispetto ad un podista che si allena un paio di volte a settimana. Potete capire quando cambiare le vostre scarpe da running solo osservandole e tenendo un conto del chilometraggio effettuato. Dunque, considerate questi fattori:

  • Osservate l’eventuale usura della suola esterna;
  • La presenza di eventuali pieghe longitudinali;
  • La parte superiore, ossia la punta;
  • L’asimmetria di una suola rispetto all’altra;
  • La posizione equilibrata della scarpa su una superficie piana.

E saprete se sia giunto il momento di acquistare un nuovo paio di scarpe.

Articoli correlati
allenamento-pettorali-con-kettlebell

17 - Lug

Allenamento pettorali: ecco 3 esercizi efficaci con i kettlebell

Desiderate pettorali tonici e ben definiti? Oltre all’allenamento senza attrezzi, potete optare per un workout più intenso e calibrato e […]

Leggi tutto »
allenamento calistenico

23 - Mag

Sport di tendenza: allenamento calistenico, cos’è e quali sono i 5 benefici

L’allenamento calistenico, i suoi principi e i suoi esercizi sono entrati nei workout di molti amanti del fitness (principianti ed […]

Leggi tutto »