palla-bosu-a-cosa-serve

27 - Nov

La palla bosu è l’erede dello step: ecco a cosa serve in 5 punti

Anche in fatto di fitness le innovazioni sono sempre dietro l’angolo. Fino a qualche anno fa, lo step sembrava insostituibile, oggi invece, sembra essere finito nel dimenticatoio (o quasi) perché soppiantato dal bosu. Volete scoprire di che cosa si tratta?

In questo post vi sveliamo in 5 punti cos’è e a cosa serve la palla bosu.

1) Che cos’è. Il termine bosu è una forma sintetica dell’espressione Both Sides Up. La sua introduzione viene attribuita all’americano Douglas Brooks. Si tratta di un attrezzo impiegato per effettuare un workout con caratteristiche simili a quelle dello step, suo predecessore. Punto forte del bosu è la versatilità, in quanto è in grado di soddisfare gli appassionati delle attività aerobiche ad alta intensità, ma anche coloro che amano dedicarsi ad un tipo di attività più soft, come la ginnastica posturale e il pilates, grazie alle quali trovare la giusta soluzione ai disturbi osteo-articolari.

2) Descrizione. Il bosu è una pedana instabile di forma circolare con un diametro di circa 60 cm. Questo attrezzo consente tutti i movimenti tipici dello step, aggiungendone degli altri legati all’equilibrio, alla coordinazione e alla propriocettività. Un lato è poggiato a terra mentre l’altro è sormontato da una cupola di gomma morbida su cui lavorare.

3) A cosa serve. Il bosu può essere usato con la parte in gomma rivolta verso l’alto, in modo da smorzare possibili microtraumi, oppure con la parte piatta rivolta in su, andando ad eseguire movimenti che favoriscono equilibrio e postura. Il bosu eredita dallo step i movimenti di aerobica preziosi per rinforzare cosce e glutei, mentre dalle tavolette del tipo Freeman gli esercizi riabilitativi perfetti per equilibrio, propriocettività e sensibilità neuro-muscolare.

Lo step può provocare un sovraccarico della colonna vertebrale e di tutte le articolazioni del corpo. I salti reiterati, con sali e scendi e cambi di direzione sono piuttosto impegnativi per le articolazioni. In caso abbiate fastidi frequenti alla zona lombare, l’uso frequente dello step potrebbe accentuarli così come predisporre maggiormente a scorrette posture. Tutto questo viene evitato grazie al bosu.

4) I pro del Bosu

  • È un attrezzo versatile in quanto consente di eseguire più attività;
  • Non ha una categoria di atleti alla quale si rivolge in modo esclusivo;
  • Combina l’attività aerobica a ginnastiche posturali e propriocettive;
  • Non sovraccarica il sistema scheletrico;
  • È utile nel recupero dopo un trauma articolare;
  • Viene utilizzato nei corsi di fitness ma è utile anche per gli allenamenti in sport come lo sci, il calcio, la pallavolo, il golf o la scherma, in cui è importante bilanciare il peso del corpo.

5) Chi può utilizzarlo

  • Chi desidera tonificare e rassodare le zone di cosce, glutei e fianchi;
  • Gli atleti che intendono migliorare le proprie prestazioni;
  • Chi necessita di recuperare da infortuni a carico di caviglia e ginocchio;
  • Chi desidera praticare un workout diverso dal solito.

Fonte immagine: Commons Wikimedia – File:USMC-091128-M-0902C-044.jpg

Articoli correlati
Addominali running

29 - Giu

Performance nel running: perché rinforzare i muscoli addominali

Gli addominali: un gruppo muscolare al quale non si pensa così frequentemente, durante la preparazione atletica per il running. Eppure, […]

Leggi tutto »
Errori palestra

29 - Set

7 errori da evitare in palestra per un allenamento perfetto e senza rischi

L’allenamento in palestra è una delle attività fisiche più “democratiche” che ci siano. Non serve una particolare predisposizione, l’attrezzatura è […]

Leggi tutto »