Dove fare rafting in Italia

25 - Apr

Dove fare rafting in Italia, 11 destinazioni consigliate

Una vacanza all’insegna dell’avventura o un weekend attivo insieme agli amici: dove fare rafting in Italia? Una questione che può interessare sia i neofiti di questo sport, che i veri appassionati ed esperti che sono alla ricerca delle emozioni più forti con il rafting estremo.

Dal nord al sud Italia, senza tralasciare i fiumi e i corsi d’acqua dell’Italia centrale, una guida completa alle 11 migliori destinazioni per la discesa in gommone senza superare i confini italiani.

Destinazioni consigliate per il rafting nell’Italia del nord

Piemonte – La Val Sesia è il luogo in cui recarsi per godere di torrenti spumeggianti e pendenze interessanti. Per gli amanti del rafting estremo, le Alpi piemontesi e il Sesia regalano grandi emozioni. Per l’easy rafting, si potrà puntare sulla zona del Po compresa tra Verrua Savoia e Coniolo.

Valle d’Aosta – Dalle acque del Monte Bianco, nasce la Dora Baltea, un altro corso d’acqua da non perdere se si cerca la discesa estrema in gommone e pagaia. Si possono facilmente trovare online informazioni su associazioni e scuole di rafting nella regione. Per i principianti e i bambini che vogliono imparare a domare i flutti in team, la destinazione è Chavonne di Villenevue.

Lombardia – L’Adda è il fiume per chi vuole fare rafting in questa Regione italiana. Una meta consigliata soprattutto a coloro che vogliono provare il whitewater slalom, sport competitivo che vede un sempre maggior numero di appassionati.

Trentino Alto Adige – Un’ampia scelta di destinazioni consigliate per il rafting in quest’area dell’Italia. L’Isarco, l’Avisio e il Noce sono tutti corsi validi per testare la propria competenza alla pagaia in scenari spettacolari.

Veneto – Una meta dedicata ai principianti e a coloro che vogliono affinare la propria tecnica. Il tratto dell’Adige che attraversa Verona è il punto di partenza più indicato.

Discesa in raft nell’Italia del centro

Emilia Romagna – Si scende in gommone lungo il torrente Limentra.

Umbria – In questa Regione italiana sono le acque del fiume Nera a offrire l’occasione giusta per fare rafting. Si parte a valle della cascata delle Marmore per proseguire in Valnerina.

Toscana – Dalla Garfagnana alle aree montuose delle province di Lucca e Pistoia, la Toscana offre diverse destinazioni per il rafting. Si consiglia di provare sul torrente Lima.

Italia del sud sulla spuma della rapida

Campania – Un buon punto di partenza per coloro che vogliono fare esperienza di rafting sono senz’altro le rapide dei fiumi Tanagro, Sele e Calore.

Calabria – Una destinazione imperdibile nel sud Italia per chi vuole fare rafting è sicuramente il Parco Nazionale del Pollino, lungo il corso del fiume Lao.

Sicilia – Il Parco Regionale dell’Etna offre occasioni per praticare l’arte del raft in una cornice naturale spettacolare. Si fa base a San Gregorio di Catania.

Una volta scoperto quali sono i luoghi consigliati per fare rafting in tutta Italia, non rimane che preparare il costume e la giusta dose d’adrenalina per partire all’avventura cogliendo le migliori occasioni per praticare il rafting estremo o per approcciarsi a questo sport divertente ed emozionante, che non richiede particolare preparazione atletica.

Articoli correlati
Traumi pallanuoto

13 - Apr

Sport e dolore: i 9 traumi più comuni nella pallanuoto

Se la pallanuoto è uno sport rinomato per la sua durezza ci sono delle valide ragioni. Il tenersi a galla […]

Leggi tutto »
perche-la-meditazione-fa-bene

10 - Ago

La meditazione come rimedio naturale: ecco perché fa bene

Era dal periodo d’oro della New Age che non si sentiva parlare così frequentemente della meditazione e dei suoi influssi […]

Leggi tutto »