Differenza aerobico anaerobico

20 - Nov

Differenza tra sport aerobico e anaerobico: per chiarire i dubbi definitivamente

Qual è la differenza tra attività aerobica e attività anaerobica? La differenza può essere difficile da comprendere. Per questo, oggi vogliamo chiarire ogni dubbio in proposito, spiegando in parole semplici ciò che distingue un’attività fisica aerobica da una anaerobica.

Aerobico o anaerobico? È tutta questione di energia e ossigeno

I nostri muscoli, durante un’attività fisica, producono energia attraverso un processo metabolico che si distingue in:

Metabolismo aerobico – La produzione di energia avviene utilizzando ossigeno (in prevalenza), glucosio e grasso trasportati dal sangue verso i muscoli. È il metabolismo che s’innesta in caso di sforzi di lieve intensità e protratti per tempi lunghi.

Metabolismo anaerobico – Quando lo sforzo è breve e intenso, come avviene negli allenamenti di forza, i muscoli non riescono a utilizzare l’ossigeno e hanno bisogno di un “combustibile” più rapido per generare energia. Per tale motivo fanno ricorso alla scorta di glucosio (uno zucchero derivato dai carboidrati). Con il protrarsi dello sforzo anaerobico (dopo i 20’’ di allenamento), il metabolismo inizia a produrre l’acido lattico: un sottoprodotto causa dell’affaticamento muscolare.

La differenza tra attività aerobica e anaerobica è un confine che non può essere tracciato in modo netto, dato che anche un allenamento aerobico può diventare anaerobico se protratto oltre una certa soglia.

Il “fiatone” e la soglia anaerobica

Nonostante la corsa sia considerata un’attività fisica aerobica, i runner sanno bene che arriva un momento in cui le cose cambiano. Aumentando l’intensità della corsa, inizia a mancare il fiato e i muscoli iniziano a bruciare: due sintomi dell’attività anaerobica. Il nostro corpo ci chiede più ossigeno e inizia a produrre acido lattico.

Per dimagrire è meglio uno sport aerobico o anaerobico?

La questione della differenza tra attività aerobica e anaerobica spesso si riduce alla scelta dell’esercizio più indicato per dimagrire. Qual è la giusta scelta per aiutare il nostro metabolismo a bruciare più grassi?

Il consumo di grassi in favore dei nostri muscoli può avvenire solo in presenza di ossigeno. La risposta sembra, dunque, ovvia: l’esercizio aerobico è ideale per dimagrire.

Tuttavia, sia dal lato dell’estetica che da quello del puro benessere, l’allenamento più indicato è quello che bilancia le sessioni di allenamento aerobico con quelle di allenamento anaerobico. Per fare ciò efficacemente è bene rivolgersi a un trainer esperto.

Articoli correlati
benefici-calcetto-terza-eta

15 - Set

Le partite a pallone fanno bene alla terza età: ecco come il calcio rende longevi

A chi si lamenta per le vostre frequenti partite a calcetto con gli amici, rispondete che lo state facendo per […]

Leggi tutto »
Attività fisica terza età

04 - Dic

Attività fisica nella terza età: scopriamo quali sono i 9 benefici di una vita attiva

L’attività fisica è una pratica che ha i suoi indubbi apporti positivi in ogni fase della vita. La cosiddetta Terza […]

Leggi tutto »