scialpinismo-allenamento

23 - Nov

Preparazione atletica per sciatori: come allenarsi per lo scialpinismo

Lo scialpinismo è un’attività sportiva che sta riscontrando un grande successo, soprattutto tra gli amanti dell’escursionismo. Assieme allo sci di fondo e al fuoripista estremo, è uno “sport bianco” che permette di gustare la montagna invernale nei suoi aspetti più autentici. Contatto con la natura, silenzio e sfida fisica sono gli ingredienti che ne hanno decretato il successo.

L’attività di scialpinismo richiede un buon grado di preparazione atletica: la risalita in sci, soprattutto con la neve fresca, richiede performance non indifferenti. Per questo, l’uscita con gli sci da alpinismo deve essere preceduta da un’attività fisica propedeutica e preparatoria all’attività outdoor.

Il programma di allenamento per lo scialpinismo

Una preparazione atletica adeguata non è solo fondamentale per ottenere le migliori performance ma lo è anche per affrontare le scalate con minor fatica (e avere più tempo per ammirare il panorama.

L’allenamento per arrivare all’uscita in piena forma punterà sulla cura dell’elasticità dei tessuti  muscolari e dei legamenti, al potenziamento di gruppi muscolari specifici e al guadagno di efficienza aerobica.

Gli esercizi da praticare:

  1. Il riscaldamento – Sempre fondamentale per ogni attività fisica impegnativa, la fase del riscaldamento permette al corpo di adattarsi progressivamente al tipo di sforzo che verrà richiesto. Si consiglia il salto della corda.
  2. Fartlek e interval training – Due tecniche d’allenamento fondamentali per sviluppare resistenza muscolare ed efficienza aerobica.
  3. Squat – I piegamenti sulle gambe aiutano a tonificare i quadricipiti e ad allenare le ginocchia.
  4. Corsa – Importante per raggiungere un buon grado di fitness, migliorare le performance aerobiche e potenziare i glutei.
  5. Plank frontale e laterale – Per consolidare e potenziare lombari, addominali, pettorali e spalle, non c’è nulla di meglio di qualche minuto di plank: una contrazione isometrica in grado di far lavorare gran parte del corpo.
  6. Bicicletta e nuoto – Due ottime occasioni per mettere in pratica il principio del cross training.
  7. Stretching e defaticamento – Una fase altrettanto importante tanto quanto quella del riscaldamento: riduce i tempi di recupero e riduce i rischi d’infortunio in allenamento e con gli sci ai piedi.

Per un buon programma di allenamento e preparazione per lo scialpinismo si possono legare o alternare le attività di potenziamento (dalla 2 alla 6), mantenendo stabili le attività di preparazione, stretching e defaticamento (la 1 e la 7).

La pratica costante di questo tipo di allenamenti assicurerà una stagione di scialpinismo ricca di emozioni e al riparo da traumi sportivi.

Articoli correlati
Correre dopo i 50 anni

25 - Mar

Correre dopo i 50 anni: allenare i giusti muscoli per ritrovare velocità

Correre dopo i 50 anni è certamente un’attività consigliata per mantenere in salute il corpo e prevenire alcuni tipi di […]

Leggi tutto »
Pausa pranzo alla scrivania

15 - Giu

Pausa pranzo alla scrivania: i 6 rischi per gli irriducibili del lavoro

Può capitare soprattutto nei periodi più intensi o in prossimità di una scadenza: il lavoro non lascia tempo neanche per […]

Leggi tutto »