allenamento piede

Garantisce stabilità e spinta: 6 facili esercizi per l’allenamento del piede

Qual è uno dei fattori determinanti per svolgere al meglio ogni attività sportiva? Il piede è senz’altro una buona base di partenza, soprattutto per chi pratica running, ma non solo. Assorbe il primo impatto con il terreno, fornisce la propulsione e permette il mantenimento dell’equilibrio. Inoltre, la rotazione della pianta aiuta a sostenere e a distribuire il peso del corpo.

L’allenamento di una parte del corpo importante come il piede garantisce stabilità e spinta: vi suggeriamo 6 facili esercizi per l’allenamento del piede.

La cura del piede

Non solo workout… l’allenamento del piede parte dalla sua cura. Anche le prestazioni sportive possono dipendere dal suo stato di salute: corsa e vesciche, ad esempio, hanno una strettissima correlazione e influenzano negativamente gare e allenamenti.

La scelta delle scarpe è un altro aspetto da curare nel dettaglio, per non favorire il fastidio delle unghie nere, ma anche per evitare scivolamenti.

Comfort e appoggio corretto sono le keyword anche per scongiurare il rischio di infortuni frequenti come distorsioni, lesioni tendinee e legamentose o simili.

L’allenamento che garantisce spinta e stabilità

26 ossa, 33 articolazioni e più di cento tra muscoli, legamenti e nervi. L’allenamento del piede, soprattutto per chi pratica running, deve contemplare esercizi di potenziamento muscolare. Trascurarlo, significa esporre il fisico a infortuni e traumi sportivi, anche a carico della caviglia.

  1. Il più classico degli esercizi è forse il massaggio della zona plantare con una pallina da tennis.
  2. Lo stretching delle dita dei piedi è l’alleato più prezioso insieme a quello del dorso. Appoggiatevi e portate la gamba in una posizione posteriore rispetto all’altra. Posizionate il dorso del piede a contatto con il terreno e spingete con la caviglia verso il basso fino a quando non avvertite l’allungamento dei muscoli. Mantenete la posizione per una ventina di secondi, alternando il piede.
  3. Il tacco e punta che si esegue in piedi, sollevando le dita dei piedi per poi sostenere il peso del corpo con i soli talloni, è un esercizio altrettanto efficace per il rafforzamento.
  4. Il movimento inverso, ossia lo stare in piedi sulle punte, è una variante.
  5. Un altro allenamento per il piede è quello di camminare scalzi su un terreno ondulato. Su una spiaggia sarebbe l’ideale: in questo modo attivate e rafforzate tutti i muscoli stabilizzatori. L’alternativa è la tavoletta propriocettiva.
  6. Plank con la spinta dei piedi: si tratta di un esercizio che migliora la mobilità e la forza delle articolazioni delle dita ed allena la core stability. Partite dalla posizione del plank, in appoggio sugli avambracci. Spingete indietro i talloni allungando il polpaccio. Mantenete questa posizione spostando il corpo in avanti e spingendo solo con le dita. Eseguite due serie da venti secondi per rendere l’allenamento più efficace.

Qual è uno dei fattori determinanti per svolgere al meglio ogni attività sportiva? Il piede è senz’altro una buona base di partenza, soprattutto per chi pratica running, ma non solo. Assorbe il primo impatto con il terreno, fornisce la propulsione e permette il mantenimento dell’equilibrio. Inoltre, la rotazione della pianta aiuta a sostenere e a distribuire il peso del corpo.

L’allenamento di una parte del corpo importante come il piede garantisce stabilità e spinta: vi suggeriamo 6 facili esercizi per l’allenamento del piede.

La cura del piede

Non solo workout… l’allenamento del piede parte dalla sua cura. Anche le prestazioni sportive possono dipendere dal suo stato di salute: corsa e vesciche, ad esempio, hanno una strettissima correlazione e influenzano negativamente gare e allenamenti.

La scelta delle scarpe è un altro aspetto da curare nel dettaglio, per non favorire il fastidio delle unghie nere, ma anche per evitare scivolamenti.

Comfort e appoggio corretto sono le keyword anche per scongiurare il rischio di infortuni frequenti come distorsioni, lesioni tendinee e legamentose o simili.

L’allenamento che garantisce spinta e stabilità

26 ossa, 33 articolazioni e più di cento tra muscoli, legamenti e nervi. L’allenamento del piede, soprattutto per chi pratica running, deve contemplare esercizi di potenziamento muscolare. Trascurarlo, significa esporre il fisico a infortuni e traumi sportivi, anche a carico della caviglia.

  1. Il più classico degli esercizi è forse il massaggio della zona plantare con una pallina da tennis.
  2. Lo stretching delle dita dei piedi è l’alleato più prezioso insieme a quello del dorso. Appoggiatevi e portate la gamba in una posizione posteriore rispetto all’altra. Posizionate il dorso del piede a contatto con il terreno e spingete con la caviglia verso il basso fino a quando non avvertite l’allungamento dei muscoli. Mantenete la posizione per una ventina di secondi, alternando il piede.
  3. Il tacco e punta che si esegue in piedi, sollevando le dita dei piedi per poi sostenere il peso del corpo con i soli talloni, è un esercizio altrettanto efficace per il rafforzamento.
  4. Il movimento inverso, ossia lo stare in piedi sulle punte, è una variante.
  5. Un altro allenamento per il piede è quello di camminare scalzi su un terreno ondulato. Su una spiaggia sarebbe l’ideale: in questo modo attivate e rafforzate tutti i muscoli stabilizzatori. L’alternativa è la tavoletta propriocettiva.
  6. Plank con la spinta dei piedi: si tratta di un esercizio che migliora la mobilità e la forza delle articolazioni delle dita ed allena la core stability. Partite dalla posizione del plank, in appoggio sugli avambracci. Spingete indietro i talloni allungando il polpaccio. Mantenete questa posizione spostando il corpo in avanti e spingendo solo con le dita. Eseguite due serie da venti secondi per rendere l’allenamento più efficace.