riscaldamento-pre-corsa

10 - Ago

6 consigli di riscaldamento pre corsa: meno rischi, più performance

Che siate jogger o runner non fa molta differenza: il riscaldamento pre corsa non è un optional. Questo perché iniziare un allenamento senza la giusta preparazione può mettere a rischio non solo la qualità delle performance, ma anche il nostro fisico stesso.

Ecco, allora, cinque consigli su esercizi da effettuare nel riscaldamento pre corsa che preparano muscoli, tendini e legamenti all’attività fisica più o meno intensa. Iniziamo, però, a esplorare i perché del riscaldamento.

Perché è importante il riscaldamento pre corsa

Esistono ragioni ben specifiche per cui è fondamentale effettuare esercizi di riscaldamento prima di affrontare una sessione di corsa. Ecco tutti i perché preparare il corpo alla corsa:

Evitare infortuni – È la prima e più importante ragione per la quale scaldarsi prima dell’allenamento. Sciogliere dolcemente i muscoli e i legamenti e “accompagnare” il corpo verso la corsa è il modo migliore per non esporlo a traumi. I muscoli non scaldati potrebbero reagire male allo sforzo improvviso, causando contratture o veri e propri infortuni.

Portare il battito cardiaco a regime – La seconda ragione per cui riscaldarsi prima della corsa riguarda da una parte il nostro benessere, dall’altra le nostre performance. Portando il battito del nostro cuore a una frequenza più vicina a quella che terrà sotto sforzo, garantendo a tutto il corpo una corretta irrorazione sanguigna, si rende l’allenamento più facile e meno faticoso.

La spinta per le performance – L’adrenalina è quella spinta chimica, naturalmente prodotta dal nostro corpo, per sostenere gli sforzi. Iniziare la corsa con una buona carica di adrenalina ci permette di migliorare la qualità (e la durata) del nostro allenamento.

6 esercizi di riscaldamento pre corsa

Di seguito, consigliamo sei esercizi ottimali per il riscaldamento che precede l’allenamento di runner e jogger. A seconda dell’intensità, della durata della corsa e della preparazione atletica, la durata del riscaldamento può andare da un minimo di 15 minuti, fino a mezz’ora di allenamento.

  1. Camminare – Camminare è l’attività che si avvicina alla corsa e che il nostro fisico compie più naturalmente.
  2. Squat – Piegamenti sulle ginocchia che preparano il quadricipite femorale e l’articolazione del ginocchio allo sforzo della corsa. Da fare gradualmente, meglio se reggendosi a un sostegno che non ci porti a sbilanciarci.
  3. Affondi – Compiendo un passo lungo, pieghiamoci sul ginocchio della gamba che abbiamo portato avanti. Ripetiamo l’esercizio per l’altra gamba.
  4. Step – Utilizzando un gradino, effettuiamo salite e discese, alternando la gamba di trazione.
  5. In punta di piedi – Per riscaldare i polpacci, ripetiamo delle alzate sulla punta dei piedi.
  6. Stretching dinamico – Solo quando i nostri muscoli saranno caldi e le nostre articolazioni saranno sciolte, possiamo iniziare a effettuare esercizi di stretching. Lo stretching dinamico è la soluzione ottimale per evitare di forzare muscoli e articolazioni rischiando traumi.

Pronti, partenza, via!

Dopo aver effettuato questi semplici esercizi di riscaldamento pre corsa, siamo davvero pronti per affrontare l’allenamento? La risposta ce la fornisce il nostro corpo: sentiamo i muscoli caldi? I legamenti ben mobili? Se la risposta è affermativa, possiamo dare il via alla nostra sessione di corsa.

Articoli correlati
Differenza aerobico anaerobico

20 - Nov

Differenza tra sport aerobico e anaerobico: per chiarire i dubbi definitivamente

Qual è la differenza tra attività aerobica e attività anaerobica? La differenza può essere difficile da comprendere. Per questo, oggi […]

Leggi tutto »
innalzare-soglia-tolleranza-dolore

17 - Ott

Come innalzare la soglia di tolleranza al dolore? Con l’esercizio fisico

Innalzare la soglia del dolore è possibile: il segreto è nella costante attività fisica. Ciò che è noto da tempo […]

Leggi tutto »