Stretching anziani

22 - Mar

I segreti dello stretching per anziani: esercizi da fare e cosa non fare

L’attività fisica nella terza età ha sicuramente i suoi benefici. Ma bisogna anche utilizzare le giuste precauzioni per adeguare gli esercizi all’elasticità del corpo degli anziani e al loro potenziale atletico. Lo stretching è sicuramente un tipo di allenamento utile agli anziani per mantenere i muscoli ossigenati e le articolazioni flessibili e funzionali.

Come la ginnastica dolce, lo stretching dedicato agli anziani deve prevedere movimenti gentili, che stimolino la piena mobilità senza forzare muscoli e legamenti. Il beneficio, infatti, deve venire più dalla pratica costante dei movimenti di allungamento muscolare che dal singolo movimento.

Gli esercizi più giusti per lo stretching nella terza età

Gli anziani possono trarre giovamento dalla pratica degli esercizi di stretching due o tre volte alla settimana. Per la sicurezza dell’anziano è fondamentale che gli esercizi di stretching vengano anticipati da una fase di riscaldamento di muscoli e legamenti.

Allungamento della schiena – Da seduti a terra, gambe stese in avanti, allungare le braccia verso la punta dei piedi. Mantenere la posizione per 10 secondi, senza forzare. Ripetere per 3 volte.

Rotazioni delle spalle – Da seduti, palmi delle mani mantenuti sulle cosce, sollevare le spalle verso le orecchie, spostarle indietro verso la schiena e abbassarle. Ripetere l’esercizio per 10 volte.

Stretching di busto e dorso – Portare le mani giunte davanti al mento, sollevare le braccia mantenendo le mani giunte fino a sopra la testa e, successivamente, distendere le braccia lateralmente, fino a riportarle alla posizione di partenza. Ripetere per 10 volte alternando lato destro e sinistro.

Allungamento dei quadricipiti – Reggendosi alla spalliera di una sedia, afferrare la caviglia sollevando la gamba verso i glutei. Mantenere la posizione per 10 secondi. Cambiare gamba. Ripetere 2 volte per gamba.

Rotazione dell’anca – Da seduti, incrociare una gamba sul femore dell’altra e premere gentilmente il ginocchio verso terra. Mantenere la posizione per 10 secondi. Ripetere con l’altra gamba.

Ginocchio al petto – Da seduti, afferrare con entrambe le mani il ginocchio di una gamba, portandolo gentilmente verso il petto. Mantenere la posizione per 10 secondi e cambiare gamba.

 

La guida allo stretching per anziani: cosa non fare

Non insistere sul dolore – Lo stretching deve stirare i muscoli, non strapparli. La sensazione del muscolo allungato è diversa da quella del muscolo dolorante. Sono movimenti da compiere con delicatezza.

Non trattenere il respiro – È importante che durante gli esercizi di stretching si continui a respirare normalmente.

Attenzione al collo – Per gli esercizi di stretching dei muscoli del collo, evitare di buttare la testa all’indietro: è possibile danneggiare le vertebre cervicali.

Non interrompere gli allenamenti – La costanza è il segreto del benessere dello stretching nella terza età. Effettuare gli esercizi saltuariamente non porta alcun giovamento.

 

I 4 benefici dello stretching per gli anziani

Libertà di movimento – Lo stretching è particolarmente importante per gli anziani dato che aiuta a mantenere la mobilità di muscoli e articolazioni per compiere i gesti di ogni giorno e preservare l’autonomia dell’anziano.

Contro gli infortuni – Un corpo allenato e flessibile è meno soggetto a quei traumi frequenti soprattutto nella terza età. Un corpo che si muove meglio e con più vigore, inoltre, è più saldo e capace di mantenere l’equilibrio.

Lubrifica i legamenti – La pratica regolare dello stretching contribuisce a mantenere lubrificati i legamenti, evitandone il deterioramento.

Rallenta l’invecchiamento di corpo e tessuti – Lo stretching negli anziani è importante per rallentare il processo d’invecchiamento di corpo e tessuti anche grazie al suo potere di rilassamento.

Articoli correlati
Mezze maratone italia marzo 2016

22 - Feb

Marzo 2016: il calendario delle mezze maratone in Italia

Le mezze maratone in Italia sono divenute appuntamenti imperdibili per tutti i runner italiani e stranieri che vogliono porre un […]

Leggi tutto »
Cosa sono i trigger point

06 - Dic

Trigger point: ecco cosa sono, come riconoscerli e perché fanno male

Può capitare che i muscoli risultino doloranti in aree ben specifiche e che, in alcuni casi, il dolore possa essere […]

Leggi tutto »