caratteristiche fisiche nel running

Le caratteristiche fisiche nel running: massa magra, muscoli tonici ma non solo

Chi pratica fitness ha una muscolatura evidente, il nuotatore ha le spalle larghe, il cestista è altissimo, il calciatore ha dei polpacci molto sviluppati, e chi corre? In questo post vogliamo svelarvi quali sono le caratteristiche fisiche nel running.

Caratteristiche fisiche

La corsa è certamente uno degli sport che maggiormente contribuisce a formare un fisico snello e asciutto, a seconda delle specifiche sembianze e conformazioni corporee. I chilometri di corsa e i costanti workout contribuiscono alla magrezza e al tono muscolare: le principali caratteristiche fisiche comuni a tutti i runner.

Tuttavia, non esistono runner tipici. I corridori molto alti, per esempio, non sono necessariamente agevolati rispetto a quelli bassi, in quanto non sono le gambe lunghe o il torace sviluppato a determinare una particolare predisposizione per questo sport.

I più grandi maratoneti, a conferma di quanto abbiamo detto, hanno svariate doti fisiche senza alcuna specificità.

Caratteristiche fisiologiche

Oltre alle caratteristiche fisiche che si rendono evidenti, grazie alle trasformazioni esteriori del corpo, ci sono quelle fisiologiche. Nel praticare il running infatti, diversi organi e apparati si mettono in moto.

  • La muscolatura: è responsabile del movimento.
  • L’apparato respiratorio: rifornisce di ossigeno i muscoli, l’apparato circolatorio e il sangue.

Il motore quindi, è fondamentale, la carrozzeria è ciò che vediamo all’esterno, ma il funzionamento corretto di una macchina, come quella di un atleta, si misura soprattutto attraverso la quantità di ossigeno che giunge ai muscoli.

La respirazione nel running è altrettanto importante: si compiono degli sforzi durante il workout che la fanno aumentare in frequenza e in profondità. Si tratta di un processo cruciale per il corretto funzionamento cellulare, che misura la capacità toracica e le prestazioni che quel corridore è in grado di effettuare.

Le doti di un buon runner

È dunque molto più realistico affermare che sia il motore, e quindi le caratteristiche fisiologiche, a determinare le buone performance atletiche nel running. L’importante infatti è mantenere velocità di corsa elevate e maggiore resistenza. Un buon runner deve possedere:

  • Un’ottima preparazione fisica;
  • Un fisico snello, asciutto, con tendini lunghi;
  • Maggiore percentuale di massa magra;
  • Forza;
  • Un elevato massimo consumo di ossigeno;
  • Un determinato stile di corsa e doti tecniche;
  • Ottima economia e velocità di corsa;
  • Adattamento allo sforzo prolungato di articolazioni, tendini e legamenti.