benefici stretching anziani

07 - Dic

Sport e anziani: i benefici dello stretching nella terza età

Abbiamo visto quali sono gli esercizi di stretching consigliabili per gli anziani (e quelli sconsigliati). Tuttavia rimane da chiarire la questione di quale sia l’importanza e quali i benefici della pratica dello stretching nella terza età. Questa attività, infatti, risulta essere indispensabile per preservare e riguadagnare l’agilità e la scioltezza nei movimenti e, per tale motivo, è fondamentale per conservare la qualità della vita dell’anziano.

Per ottenere i benefici dello stretching, tale attività fisica deve entrare nella routine settimanale dell’anziano (2 o 3 volte alla settimana), facendo sempre attenzione agli eventuali segnali di dolore del corpo: indicativi che gli esercizi stanno forzando troppo i legamenti e le articolazioni.

I benefici

Lo stretching è una parte fondamentale dell’attività fisica degli anziani poiché preserva la flessibilità delle giunture e, con ciò, contribuisce a mantenere indipendenti e sempre attivi. Questo perché, con l’avanzare dell’età, i muscoli diventano più corti e perdono elasticità. Ciò comporta:

  • Limitazione dei movimenti;
  • Dolori e tensioni in spalle, schiena e bacino.

La pratica costante dello stretching nella terza età contribuisce a:

Consolidare la stabilità – Lavorando sul torso, bacino e gambe, i legamenti e i muscoli allungati aiuteranno a conservare la stabilità e a mantenere allenato l’equilibrio.

Conservare la mobilità – L’irrigidimento di muscoli e articolazioni è fisiologico. Tuttavia si può conservare un buon grado di mobilità con attività fisica e stretching regolari.

Aumentare la sicurezza – Movimenti ampi e fluidi che rispondono prontamente ai riflessi: sono tutti benefici che lo stretching apporta alla sicurezza dell’anziano nel quotidiano e in caso di piccoli incidenti.

Migliorare la qualità della vita – Una conseguenza di quanto sopra: grazie allo stretching e alla vita attiva, l’anziano non deve rinunciare ai piccoli gesti di ogni giorno, ad attività ricreative e alla vita sociale.

Articoli correlati
scrocchiare le ossa fa male

17 - Ago

Fa male scrocchiarsi le ossa? Ecco quali sono le conseguenze

A volte la tentazione sembra irresistibile: come per liberarsi da una sensazione di oppressione, compiamo quel gesto noto come lo […]

Leggi tutto »
overtraining-running

21 - Lug

Running: scopriamo di più sul fenomeno dell’overtraining

L’overreaching è l’anticamera dell’overtraining. Ebbene sì, i runner che intendono costantemente superare i propri limiti, per ottenere prestazioni al top, […]

Leggi tutto »